Studio Dentistico Maestripieri


Vai ai contenuti

alitosi

Alitosi


Alcune persone hanno problemi d’alito cattivo e spesso la causa ha origine dalla bocca.
La ricerca evidenzia che l’alitosi può anche essere un segnale di problemi parodontali quali la gengivite o la parodontite.
In condizioni normali l'odore del cavo orale può registrare delle variazioni nella sua intensità e tipologia in funzione di alcune variabili quali l'età, le abitudini alimentari, l'orario della giornata.

L'emissione di odore sgradevole dal respiro al risveglio, così come dopo un pranzo o una cena particolarmente ''saporiti'' è una cosa normale e non necessita di particolari accorgimenti. Infatti, durante la notte o dopo un pasto abbondante, il processo di decomposizione batterica, principale responsabile dell'alitosi, è ulteriormente potenziato.
Se tuttavia l'alito cattivo è persistente e continuo la causa potrebbe essere una scarsa od inappropriata igiene orale, che comporta la formazione della
placca batterica.

I batteri reagiscono con i residui di cibo e, attraverso una reazione chimica di decomposizione, liberano gas (solfuri) che conferiscono un caratteristico odore di zolfo all'alito. La placca batterica, inoltre, col tempo si trasforma in
tartaro, a sua volta responsabile di infezioni del cavo orale, come parodontiti e gengiviti a loro volta causa di alitosi.
Altri fattori che possono contribuire all'insorgenza di alitosi sono il tabagismo (sigarette, pipa, sigaro) e l'assunzione di determinati farmaci, fra cui alcuni antidepressivi, antistaminici, antipertensivi, diuretici, ansiolitici poiché possono ridurre la produzione di saliva.

Una scrupolosa igiene del cavo orale è il primo intervento per combattere l'alitosi: utilizzare il filo interdentale almeno una volta al giorno e spazzolare accuratamente i denti dopo ogni pasto. Se non è possibile lavare i denti dopo il pasto, almeno sciacquare la bocca e masticare un chewing-gum senza zucchero, che aiuta ad asportare gli eventuali frammenti di cibo in superficie e dagli spazi interdentali.
L'impiego regolare di
collutori a base di sostanze ad azione antisettica, facendo gargarismi per almeno 30 secondi, consente di migliorare la situazione.

Indietro


-

Torna ai contenuti | Torna al menu